Alma Mater – personale di Gisella Mura

#esserestoricodellarte… un lavoro che amo!

Eccoci qui a raccontare la personale di Gisella Mura a Aggius: Alma Mater!

Da qualche mese avevamo il pallino di esporre al Museo di Aggius e, dopo qualche chiamata di rito, sopralluogo e mille altre cose, eccoci arrivati all’inaugurazione del 28 marzo.

La personale di pittura di Gisella Mura, nella sala conferenze del MEOC!

La selezione che abbiamo pensato per questo grazioso bogo della Gallura, parla di uomini e donne, parla dell’anima dell’uomo e della sua forza.

Le tele, una scelta della collezione 2017 e le nuovissime del 2018, ci catturano con innata forza espressiva.

Donne… ah le donne di Gisella Mura!

Donne forti, belle e sublimi, che nascono dalla nostra cultura, dalla nostra Sardegna, e fanno capolino nel mondo.

Partiamo dalla sua interpretazione delle Janas, sino alle sacerdotesse, fulcro di una cultura ancestrale dal respiro mistico.

Abbiamo le donne madri e le maternità, sempre intrise di un velo di sacralità, realizzato sulla tela grazie alla padronanza dell’artista nel gestire il materiale pittorico.

 

Donne che interagiscono con l’universo maschile.

Ecco che qui compaiono i bronzetti.

Si, avete capito bene. Avete presente i bronzetti nuragici? Dimenticateli per un attimo e…

Ecco il risultato:

Uomini vigorosi, simboli della nostra intramontabile e unica storia nuragica, abilmente modellati e umanizzati.

In una visita guidata li ho definiti come la rappresentazione della figura maschile, secondo Gisella Mura.

La prima volta che ho visto l’uomo – anzi si trattava di un adone – rappresentato da Gisella, sono rimasta piacevolmente colpita dalla conoscenza anatomica e prospettica dell’essere umano.

Solo questa profonda consapevolezza permette all’artista di poter reinterpretare e creare capolavori di tale portata!

Tra sacro e profano, tra storia e cultura, tra cielo e terra:

ecco la mostra Alma Mater a Aggius.

 

La mostra visitabile durante gli orari del Museo, sino al 28 aprile, è stata realizzata grazie alla collaborazione di Claudia Pulixi e dell’Amministrazione Comunale di Aggius.

Ma secondo voi, poteva mancare una nostra gallery?

 

Autore dell'articolo: damadelg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *