Il Carnevale del Fumetto Norbello

Appena iniziata la Quaresima, eccomi qui per raccontarvi il Carnevale a Norbello.

In queste settimane la rete raccoglie tantissimi articoli e post che raccontano del magico e affascinante Carnevale di Sardegna.

Maschere tradizionali che dai festeggiamenti di Sant’Antonio del 16 Gennaio si preparano a accogliere la stagione della primavera, carri allegorici nelle sfilate che sono diventate ormai un evento imperdibile…

e poi ci siamo noi con il nostro

Carnevale del Fumetto e del Cartone Animato.

Quest’anno, giunto alla sua terza edizione, è stato davvero come una conferma.

Bando a ciò che ho letto (ahimè) su alcuni articoli, quest’anno il nostro carnevale è stato un pullulare di eventi che ha visto in campo numerosi eventi.

Balli tradizionali e non, anche stavolta io mi sono concentrata sull’organizzazione di tutto ciò che ha come tema

il fumetto!

In particolare tre attività:

  • laboratorio e chiacchierata con Luca Usai
  • Presentazione Parco del Fumetto con la partecipazione di BIC Liceansing group
  • la Sfilata!

Iniziamo proprio con il lab di fumetto realizzato con Luca Usai e le cinque classi della Scuola Primaria di Norbello.

Intanto, qui il link per sapere di più su questo artista dall’inconfondibile cognome isolano ma che… beh, vi dico solo Duck Tales!

E secondo voi, cosa poteva realizzare?

L’unico, inconfondibile e insuperabile Mickey Mouse!

Ma non solo, ha raccontato come nasce un fumetto: il ruolo dello sceneggiatore e del fumettista.

I bimbi…

beh semplicemente incantati! Abbiamo (si avete letto bene, stavolta mi sono messa anche io alla prova) disegnato Topolino seguendo le tecniche che ci ha insegnato Luca.

Ma non finisce qui, l’artista ce lo siamo prenotati anche al Museo dell’Immagine e del Design Interattivo – a Norbello – e ci ha raccontato il fumetto umoristico.

Qui i bimbi si sono potuti gustare i racconti della carriera di Luca e, al termine, li ho visti con foglietti in mano e dei mini capolavori dell’artista…geniali eh!

Durante il pomeriggio abbiamo presentato uno dei laboratori che il Museo MIDI ha realizzato in collaborazione con l’Ass.ne locale La Pagina Bianca:

la cartapesta!

Adesso – onestamente – mi immagino già le vostre facce da “ma questa è pazza? La cartapesta al museo con tutte quelle opere di valore?”

Insomma, vi lascio sbizzarrire ma tornando indietro vi dico che

lo rifarei altre mille volte.

La cartapesta sporca? Boh credo di si ma on da noi!

In questi anni alla curatoria del MIDI abbiamo adottato una filosofia: il museo è uno scrigno di immagine e di cultura. Non è mio ma ho solo l’onore di tirare le fila.

Il museo è il luogo di cultura di tutti e per tutti e qui ogni visitatore è parte di un sistema organizzato, siamo tutti responsabili ed ecco perchè…

La cartapesta sporca? Da noi no!

E questi sono i risultati:

Durante la vigilia di Carnevale, della grande sfilata, ospitiamo l’Arch. Giovanni Soru e Claudio Massari della BIC per parlarci dell’unico parco didattico del Fumetto a…

a Norbello!

Uau, accanto al Museo nascerà un fantastico parco che ospiterà i personaggi della Peanuts.

Si parla di grandi dimensioni, di erbe profumate, di didattica…

non vedo proprio l’ora di ammirarlo!

Arriviamo poi al sabato di Carnevale, ai fumetti, ai cartoni animati, ai bimbi…

Quest’anno, nonostante abbia letto qualche riga fuorviante, i gruppi che hanno “adottato” per il pomeriggio del sabato un fumetto o un cartone animato erano ben 12 e 6 classi!

Già… grandi e piccini tutti insieme per le vie del paese.

All’arrivo del trenino turistico di Cabras, iniziano a arrivare le prime maschere e iniziamo a vedere i primi trucchi realizzati dalla truccabimbi Luana Viola.

Gli artisti iniziano a sistemarsi le piazze e poi… si inizia!

Così vediamo i Minions, i personaggi di Zorro e di Pocahontas, l’Hotel Transylvania, un pò di magio con Harry Potter, i Principi e le Principesse Disney, Pinocchio, Masha e Orso, Asterix e Obelix, Aladdin, Biancaneve e i Sette Nani, i Supereroi (tantissimi Supereroi!), Braccio di Ferro e la sua Olivia, don Matteo e la sua immancabile bicicletta, i Scarburati Granprix e Mila e Shiro.

E questi sono solo quelli che si sono iscritti!

Insomma, un gran bel movimento.

Abbiamo visto grandi e piccini in maschera, figuranti di ogni età, artisti che si esibivano con maschere volontarie.

Abbiamo assaggiato le zippole preparate dalla pro loco, le fave con le cotiche… insomma abbiamo vissuto Norbello e il suo unico Carnevale!

E adesso?

C’è chi pensa già alla quarta edizione (e un pò anche io)

C’è chi programma forse un carro, ci sono le analisi SWOT per migliorare e crescere, c’è la voglia di non fermarsi…

Ora piccolo Focus Culinario: i dolci di Carnevale:

Diciamo che questo affascinante Carnevale, negli anni, è sempre stato ricco di vari dolci:

Autore dell'articolo: damadelg