La meravigliosa natura Bolotanese

Conoscete l’immenso patrimonio di Bolotana?

a spasso con… bimboinspalla

Bolotana e tutto il territorio del Marghine, possono vantare  l’ecoturismo Sardegna e la presenza di due CEAS che gestiscono e rendono fruibile tutto il territorio di Bolotana e del Marghine.

Belle realtà che vogliamo assolutamente presentarvi

Ecoturismo Sardegna è una mission lodevole e intelligente che nasce grazia alla lungimiranza della Cooperativa Omnia Green Services, con “l’obiettivo di promuovere e rilanciare il territorio… supportando le aziende e attivando una serie di progetti finalizzati allo sviluppo locale, creando una piattaforma ed un network che è diventata una fucina di idee

Coop Alternatura – Ceas Bolotana:

siamo andati nella loro sede, Casa Senes,  in un edificio tipico del centro storico, e abbiamo scoperto una realtà viva e ricca di iniziative per grandi e piccini.

Giusto per dirne una:

con loro si può imparare addirittura a confezionare il sapone tradizionale all’olio di oliva e al timo… uau!

E siamo tornate a casa con un piccolo dono, quelli che piacciono a noi: ecosostenibile e a km0!

Qui, inoltre abbiamo conosciuto Tulime, una onlus che attraverso la vendita di prodotti artigianali realizzati in alcuni villaggi africani, sostiene e finanzia alcune zone del mondo dove, purtroppo, spesso mancano i beni di prima necessità.

Ecco un altro aspetto che non conoscevo di Bolotana e…

continua a piacerci sempre più.

Poco fuori da centro abitato, che sovrasta una suggestiva valle, la chiesa campestre di San Bachisio.

E indovinate un pochino?

Romanica, perché quello spirito medievalista non può mica restare in sordina!

Ma… questa fantastica chiesa, è anche una importante fonte di ispirazione di un artista: Fabrizio Giuliani, l’orafo di Bolotana!

L’altro CEAS, curato dalla coop P.Ass.I.Flora Ambiente, invece ha sede nell’immensa BaddeSalighes e gestisce la xiloteca, la Villa Piercy e il Grande Tasso. Questo Centro di Educazione Ambientale, nonostante si trovi nel territorio di Bolotana, segue e svolge attività per tutta l’Unione dei Comuni del Marghine: insomma, un CEAS territoriale che ingloba e include un’area vasta di ben 10 comuni accipicchia!

È straordinario vedere come il tempo e la modernizzazione sono stati clementi e noi possiamo ancora ammirare questo splendido angolo di montagna!

Qui Lola ha fatto amicizia con Piccolino, il cagnolino della cooperativa, che ci ha accompagnato li su, a BaddeSalighes.

Piccolino ci indica la strada verso il Grande Tasso

E il Grande Tasso, poi, è davvero magnificamente imponente.

Ma Piercy non vi ricorda niente?

sdr

Ma proprio nulla?

Si, si, proprio lui: l’ingegnere che costruì la prima linea ferroviaria della Sardegna.

Una villa ottocentesca, immersa nel verde, con un fantastico giardino che:

è impossibile non organizzare un’altra giornata e a me frullano già una miriade di idee!

 

Che dire… a noi Bolotana è davvero piaciuta tantissimo.

Intanto qualche dato:

Dove mangiare a Bolotana?

 

 

A “Sa Ziminera”,  al “Bar Pizzeria Stella”, al “Ristobar Su Monumentu”, al “Bar Filia” o al “Fiori di Cocco”. Se vi muovete in comitive numerose, vi consigliamo anche il ristorante “Badde Rosa” (dove si può anche prenotare la notte!)

Dove dormire?

Non c’è che l’imbarazzo della scelta tra i tre B&B “Sa Sartoria”, “da Zia Carmela”  e“BaddeSalighes”

 

E Lola?

Siamo entrate davvero dappertutto e Lola è stata davvero bravissima e attenta (nonostante le dimensioni).

Equipaggiamento:. Acqua, ciotola, crocchette, guinzaglio, bustine igieniche e salviettine (perché non si sa mai!)

 

Non so ancora quando torneremo ma… a settembre non possiamo mancare alla sagra della Saedas!

E per finire…

come ringraziare Stefania?

Sicuramente ti aspettiamo a Norbello, sei stata una guida e una compagna di escursione insostituibile!

Hey, se andate a Bolotana, vi lasciamo i suoi recapiti: Ditta individuale AeRA di Stefania Pisanu cell: 3476512084 mail: aera.escursioni@gmail.com

 

Piccola chicca: sapete perchè ha chiamato la sua ditta AeRAE’ il nome in sardo dell’acero minore, un albero

caratteristico e diffuso nella montagna di Bolotana. Il nome in sardo significa aria ed è proprio legato alla dispersione del seme che (con un prolungamento modificato a forma di ala) si disperde sfruttando il vento.

Mini gallery in arrivo:

 

Autore dell'articolo: damadelg