Rinascita, il Monumento ai Caduti visto da Ziranu

Rinascita è il nome del Monumento ai Caduti che Roberto Ziranu ha realizzato per la comunità di Baratili San Pietro.

Campanile della parrocchia

Io ero lì, durante l’emozionante cerimonia di inaugurazione di “Rinascita” e oggi vi racconto di questo messaggio che l’artista lascia a questa piccola e coesa comunità oristanese.

Quando l’artista mi ha invitata, mi ha detto che il suo lavoro aveva un significato molto particolare.

La scultura pre – inaugurazione

Certo, conoscendo bene con chi avevo a che fare, non avevo dubbi ma mai e poi mai avrei immaginato che il suo estro potesse riassumere con tanta forza un messaggio di speranza, di rinascita.

Il materiale utilizzato è sempre il ferro (erroneamente chiamato acciaio) corten, resistente e tenace, lavorato in modo che sembri quasi arruginito ma che conferisce alla materia resistenza alla corrosione…

… e quel colore così caratteristico.

La cerimonia è accompagnata da tutte le autorità civili e religiose e dalla banda musicale.

Ma ora arriviamo a lei

Rinascita

Ma come può un monumento dedicato ai caduti in guerra parlare di rinascita?

Ebbene si, solo un artista può.

ed ecco la sua opera
L’artista Roberto ZIranu con la sua opera

Una elegante circonferenza dove il gioco pieno – vuoto acquisisce un valore immenso.

Infatti il quarto di circonferenza mancante, circondato da filo spinato, ci ricorda chi, con spirito di amor patrio, ha cercato di consegnarci un mondo migliore.

Lì ci sono tanti sardi, tanti uomini che si sono annullati e hanno donato la vita per la pace.

Il pieno della circonferenza, invece, è un monito.

Come un post-it ci ricorda i conflitti che imperversano nel mondo.

Nella scultura sono lì, sempre, per farci riflettere sul nostro presente e sulle ostilità che il mondo assiste, guerre tra fratelli, solo per le manie di grandezza dei “potenti”.

e quel quadrato?

Si un altro vuoto che invece si proietta verso il cielo.

E questa prospettiva ci porta a riflettere sulla speranza, insita in ognuno di noi, che i conflitti finiscano e i nostri morti siano gli ultimi.

Un’opera che commemora i caduti nei due grandi conflitti mondiali.

Rinascita è un capolavoro di arte contemporanea che vuole farci riflettere, un monito per un futuro di speranza.

Qualcuno – Tucidide – prima di noi – giusto nel 431-404 a.C. – disse:

“Bisogna conoscere il passato per capire il presente e orientare il futuro”

Noi ammiriamo l’opera del grande Roberto Ziranu e ricordiamoci l’eterno Tucidide,

chissà se almeno così, quel quadrato potrà prendere il posto della circonferenza e la nostra società rinascere… nella pace!

Autore dell'articolo: damadelg