A tu per  tu con l’Acropoli Nuragica Soc. Coop. – SERRI

A tu per  tu con l’Acropoli Nuragica Soc. Coop. di Santa Vittoria di Serri!

I primi di agosto, sono inciampata in un post nel profilo Santa Vittoria Acropoli Nuragica Serri:

”…siamo un sito dog friendly, il vostro amico a 4 zampe è il benvenuto”

La socia era già in preda al delirio pre escursione, non potevamo assolutamente farci sfuggire l’occasione di visitare uno dei pochi attrattori in Sardegna dove non dobbiamo proporci con la fatidica domanda “Possono entrare i cani?”.

(Sorvoliamo poi il spiegare che il cane – Lola ovviamente da apripista – se ben educato non disturba ma risponde attentamente ai comandi del suo padrone)

Così, dopo una visita guidata accompagnate da Gabriella, ci è balenata l’idea di far qualche domanda e ne abbiamo parlato con il Presidente, Giorgio e con l’archeologa Michela.

Perché?

Semplicemente perché il post e una fontanella d’acqua potabile anche per i cani sono un vero invito a nozze!

3… 2… 1… si comincia!

 

Perché avete deciso di aprire il vostro panorama al turismo dog friendly?

A dire il vero noi siamo un sito pet friendly, le nostre caprette tibetane, ingaggiate come tosaerba ecobio, spadroneggiano nel santuario da ormai una decina d’anni… 

Quest’anno sono state spodestate dall’arrivo degli asinelli: Jack (15 anni d’età) che abbiamo assunto con il ruolo di giardiniere capo, mentre a giugno si sono aggiunti mamma Stella (3 anni d’età) e il piccolo Nike (3 mesi, e ancora non sa che gli abbiamo dato un nome da femminuccia) assunto con la qualifica di rubacuori.

Poi abbiamo la nostra mascotte Billy, uno yorkshire di 8 anni, ingaggiato con la qualifica di guida turistica 

(quindi se sentite dire che le guide a Santa Vittoria spiegano da cani, ecco svelato il mistero).

Dopo le doverose presentazioni del nostro pet’s team rispondiamo alla tua domanda.

Abbiamo deciso di aprire al turismo dog friendly perché tantissimi turisti, soprattutto stranieri, venivano in compagnia dei loro fedeli amici e spesso li lasciavano in macchina per paura che non fossero accettati. Possiamo quindi dire di aver risposto ad una richiesta di mercato, complice anche la fortuna di gestire un sito molto grande in cui i cani possono accedere e avere libertà di muoversi in tutta sicurezza.

Avete incontrato qualche resistenza?

No, non abbiamo mai incontrato nessuna resistenza, anzi le autorità (Comune di Serri e Soprintendenza) hanno accolto e supportato questa apertura con entusiasmo e ci hanno incoraggiato a proseguire verso questa strada.

 

Il turismo dog friendly cresce in maniera esponenziale, cosa ne pensate?

Pensiamo sia molto positivo e se ci fosse la possibilità di visitare quasi tutti i musei e siti archeologici (dove possibile senza creare danni alle strutture o se non si mette e rischio l’incolumità dei cani)  in compagnia dei propri amici a quattro zampe si riuscirebbero ad evitare anche alcuni abbandoni estivi.

 

Noi qui siamo proprio in completo relax

Io, da dogblogger e gt dogfriendly, mi rendo conto che i miei itinerari con Lola hanno bisogno di qualche accorgimento in più. Ma voi, incontrate qualche differenza tra gruppi dog friendly e no?

Nel caso di un gruppo eterogeneo chiediamo in anticipo se la presenza del cane (tenuto al guinzaglio) è un problema per qualcuno dei presenti.

il team damadelguilcier non può che dare il buon esempio!

Per fortuna, abbiamo avuto sempre il piacere di avere in visita padroni educati con cani al seguito molto ubbidienti e tranquilli, quindi, per ora,  non è mai capitato che fosse un problema, anzi la presenza del cane è stata vista come un qualcosa di molto positivo e dopo aver visitato in compagnia di amici a quattro zampe o della nostra mascotte Billy qualcuno si ripropone di tornare a visitarci in compagnia del proprio fido.

 

Noi, nel nostro blog, spesso diamo qualche piccolo consiglio, a tutti coloro che cercano itinerari dog friendly, ma… voi, da gestori di un complesso nuragico così importante, che consigli potete aggiungere?

Consigliamo dove vi è la possibilità di farsi accompagnare dei propri fedeli amici di approfittarne.

Chiediamo, ma ripetiamo siamo sempre stati molto fortunati, di portare al seguito i sacchetti per la raccolta delle feci e una museruola in caso di cani mordaci.

Ultimo consiglio venite a trovarci e portate con voi, oltre che i vostri fedeli amici, tanta voglia di conoscere e scoprire uno di più bei santuari nuragici della Sardegna.

Un luogo unico! Posa per fotoricordo…

 

 

Passo e chiudo… ora ci dedichiamo a un articolo per raccontare il nostro ferragosto dogfriendly!

 

Autore dell'articolo: damadelg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *