Palmavera… un nuraghe bianco!

Avete mai visitato il Nuraghe Palmavera di Alghero?

Io e Lola ci siamo state poco tempo fa in compagnia dei nostri compagni di viaggi e avventure: Bimboinspalla!

Accompagnati da una fantastica giornata, con un cielo limpido, reflex alla mano, guinzaglio e borraccia, eccoci in questo nuraghe bianco!

Il Nuraghe bianco

Si, nel nostro territorio, siamo abituate a visitare i nuraghi per la maggior parte costruiti in basalto mentre questo… è in arenaria e calcare! Wow!

Eccoci a Palmavera

un complesso nuragico risultato di tre fasi costruttive: la prima appartiene alla cultura di Monte Claro e si riconosce da un doppio muro, la seconda invece, è della seconda metà del IX secolo a.C.; infine, l’ultima fase risalente al IX – VIII secolo a.C.

Partiamo dalla torre principale

datata nel XV – XIV secolo a.C., conserva la camera centrale con copertura a tholos, una torre arcaica priva di anditi e le nicchie appena accennate (ecco che ci scappa il confronto con il Nuraghe Losa, dove, invece, le tre nicchie sono ben evidenti).

Gli archeologi ipotizzano questa datazione per il ritrovamento di stoviglie con decorazione che rimandano alla Cultura di Monte Claro.

Arriviamo poi alla seconda fase, più recente, risalente al IX secolo a.C.

Questa fase vede l’aggiunta di una seconda torre e un rimaneggiamento della prima con blocchi più resistenti. Le due torri che da questo momento compongono il complesso di Palmavera, sono unite tramite un cortile interno e un corridoio con nicchie..

E poi… un modellino di nuraghe!

Insieme ai nostri compagni di viaggio, abbiamo sostato nella capanna delle riunioni con un sedile in pietra che corre in tutto il perimetro, una vasca, la seduta del capo e una nicchia.

Compagni di viaggio

Mah, e c’è sempre un mah… al centro della capanna, dove Lola ha pensato bene di mettersi in posa, la copia di un modellino di nuraghe!

Lola accanto al modellino di nuraghe!

Con un po’ di orgoglio, mi viene da pensare ai pochissimi modellini ritrovati nelle campagne di scavo e, tra questi, anche Norbello ne conserva uno nella Raccolta Archeologica.

Infine, i due cortili esterni, risalgono all’ultima fase costruttiva.

Ecco Palmavera #dogfriendly!

Un sito davvero dove Lola era la benvenuta! Questa è la Sardegna che ci piace assai!

Autore dell'articolo: damadelg